Critiche

Cozzi Arnaldo


..L'animo gentile, sensibile di Maria Casciano è portato a riportare a tutti noi la poesia della natura, il messaggio più bello e incontaminato che l'uomo tenta invano di disintegrare. La Casciano risponde a questi insani tentativi, con la forza e la convinzione della donna, rimarcando questo bene prezioso della collettività, con messaggi che non hanno certo bisogno di spiegazioni.
E cosa produce di più poetico della natura? I fiori. E la Casciano tratta questo argomento con una capacità e sensibilità veramente rimarchevoli, meritando il nostro apprezzamento.


Fiori Pedro


LA PITTURA DI MARIA CASCIANO Il mondo poetico della pittrice Maria Casciano - artista che vive e opera a Milano - è fatto di una sottile sensibilità, di battiti intuitivi. Valori che avvolgono le sue opere e personalizzano le immagini. E' appunto in questa chiave che devono essere letti il suo modo di vedere, di sentire e d'interpretare la realtà, gli affetti, le cose, cioè il linguaggio della sua espressione. Tutto ciò è legato all'intimo della sua personalità, ai sentimenti che si porta dentro. Stati d'animo che vengono poi trasformati da lei in suggestivi dipinti, in testimonianze del suo nucleo emotivo. Bisogna sottolineare infatti che la Casciano dipinge soltanto quello che sente, che le arriva al profondo. Per conoscere la sua personalità basta osservare appunto i suoi quadri, i suoi olii. Il paesaggio, i fiori, le figure, le marine, il ritratto e le nature morte costituiscono i temi che la sua figurazione sviluppa. E' come una sorta di "diario dei sentimenti" che lei ci racconta attraverso la pittura. Appare chiaro che i fiori e i paesaggi occupano un posto fondamentale nell'insieme della sua creatività artistica. Si potrebbe dire, metaforicamente, che i suoi "fiori" hanno un'anima. E' la prima impressione che ci colpisce quando li guardiamo. E' come se la loro atmosfera evocatrice, immersa in una "realtà della memoria", ci riportasse ad un tratto all'incanto della favola o della misteriosa dimensione dei sogni. Lo spazio dipinto si riempie di vibrazioni pigmentali, di allusive , delicate sfumature o talvolta si accende di colori vivi dove le macchie fanno palpitare l'immagine. Anche i "Paesaggi con anima" della Casciano sono avvolti da una silenziosa poesia. Vediamo che la pennellata si distende in modulate campiture, in forme armoniche , in tonalità che vibrano sulla superficie. E' evidente che questa pittrice cerca di cogliere attraverso le intuizioni il mistero del paesaggio, della natura. I suoi quadri non sono infatti mai "fotografie", fredde copie della realtà , ma testimonianze dell'interiorità, ricreazioni in immagini di ciò che capta con i suoi sentimenti. Sono in verità paesaggi percorsi dai suoi ricordi, da quello che ha visto e vissuto ed è rimasto per sempre in lei come la sua tenerezza. Uno scorcio dell'azzurro del cielo, dell'orizzonte sul mare, del bosco diventno visioni di un racconto poetico. Palpitanti verdi celati nelle foglie, riverberanti sugli alberi, in mezzo al silenzio dell'imbrunire, ci parlano della nostalgia delle stagioni. Le tracce umane racchiuse nelle case tessono la storia della gioia e del dolore. Tutto sembra svelare nella sua pittura lontani segreti che lei ha taciuto per tanto tempo dentro di sè. Si può affermare che la figurazione lirica di Maria Casciano è uno specchio della sua sensibilità dove si riflettono ancora i suoi sogni e le sue speranze.


Martucci Giuseppe


Scanditamente figurativa, per ispirazione dei luoghi e stile di rappresentazione, la pittura di Maria Casciano (all'inizio della sua carriera si faceva chiamare Mariac) fa vivere valori poetici di una bene animata luminosità. Una luce che nei dipinti rivela il nitido linguaggio della naturale armonia ed il ritmo della relazione creativa, la quale diffonde un battito affettivo che abbellisce di orginale l'operato. Un delicato rapporto si stabilisce tra il fermento dell'intuizione poetica dell'artista e il reale delle campagne, dei luoghi liricizzati al respiro critico voluto e mosso dal senso profondo della vitalità umana.
Paesaggi sentiti ed espressi nel calore dell'atmosfera mediterranea: prosperosi di fantasia poetica e realizzati nella versatilità materica della composizione, l'attiva tavolozza che nelle forme si distribuisce con energia di tratteggio e voci di colori sensibili all'impressionismo.
Nel modo in cui incide in senso liberatorio la luce, si presenta la fondamentale animazione del dipinto.
Per cui è da considerare che il lirismo che si manifesta nella pittura della Casciano, connota una fisionomia figurativa di carattere naturalistico. Un naturalismo che affranca l'immagine da soluzioni di forme complesse e pertanto la legittima di essenziale facoltà che visivamente promuove il rispecchio autentico della figura contemporanea.